Disturbi del comportamento alimentare

Cosa sono?

I disturbi del comportamento alimentare (DCA) o disturbi dell’alimentazione sono patologie caratterizzate da un’ alterazione delle abitudini alimentari e da un’eccessiva preoccupazione per il peso e per le forme del corpo.

Non tutte le persone però che manifestano un disagio o un alterato rapporto con il cibo o le proprie forme corporee hanno un disturbo alimentare, ci sono infatti dei criteri diagnostici ben precisi che chiariscono cosa debba intendersi come patologico e cosa invece non lo è.

Nell’ultimo periodo si è parlato di una pandemia nella pandemia, portando l’attenzione al numero di nuovi casi di disturbi del comportamento alimentare in aumento, prevalentemente in ambito adolescenziale, nonché all’abbassamento dell’età d’esordio degli stessi.

Purtroppo solo una piccola percentuale di persone che soffrono di un disturbo dell’alimentazione chiede aiuto. 

Quale trattamento scegliere ?

Il trattamento dei disturbi dell’alimentazione può essere svolto, a seconda delle necessità, in modo più o meno intensivo. E’ sempre una buona regola iniziare, salvo situazioni di particolare gravità, dal trattamento meno intensivo (ossia il trattamento ambulatoriale) perché è il trattamento più efficace e quello che interferisce meno con la vita sociale della persona.

Il percorso nutrizionale proposto utilizza la tecnica CBT – E (Terapia cognitivo comportamentale), la quale è volta ad affrontare la psicopatologia individuale del paziente.

Il paziente è incoraggiato a diventare un attivo partecipante nel processo di cura  e a vedere il trattamento come priorità.

La terapia non è “coercitiva” nè “prescrittiva”, terapeuta e paziente lavorano assieme come una “squadra” per superare il disturbo dell’alimentazione e nelle fasi più avanzate del trattamento a prevenirne le ricadute.

La tecnica CBT-E è stata sviluppata come trattamento ambulatoriale per i pazienti adulti affetti da disturbi dell’alimentazione, ma grazie al contributo del dr. Riccardo Dalle Grave e della sua equipe, è oggi possibile utilizzarla in adolescenza, per la terapia ambulatoriale intensiva e per il ricovero, fornendo la possibilità di applicare lo stesso trattamento in setting multipli di cura.

Il trattamento ambulatoriale si può quindi considerare il trattamento di prima scelta: solo nei casi gravi o in quelli in cui il trattamento ambulatoriale non funziona sarà necessario prendere in considerazione un percorso intensivo, come il trattamento semi-residenziale in day-hospital o il trattamento residenziale.

Il percorso nutrizionale è costituito da una iniziale prima visita in presenza o online necessaria a capire la situazione reale e a valutare il percorso terapeutico più adatto.

Le successive visite nutrizionali, vengono definite in quantità e frequenza sulla base delle specifiche esigenze e seguendo la struttura della CBT-E.

La prima visita , della durata di circa 90 minuti, è costituita da un colloquio conoscitivo volto ad indagare:

le abitudini alimentari, attraverso un’ anamnesi quantitativa e qualitativa delle ingesta;

la storia del peso e il rapporto con il cibo;

il contesto che circonda la persona (famiglia, lavoro, etc.)

lo stile di vita adottato e il tempo dedicato all’attività fisica;

la storia clinica e le eventuali terapie farmacologiche in corso;

gli esami ematochimici eseguiti ;

lo stato nutrizionale,

Se la visita si svolge online altezza e peso dovranno essere forniti al momento della visita dal paziente.

La misurazione dovrà essere eseguita in ogni caso da professionisti presenti nel territorio o in strutture individuate con il paziente, così da poter lavorare con dati attendibili.

Sia in presenza che online si consiglia di avere con se la documentazione medica in possesso e possibilmente esami del sangue recenti (eseguiti non oltre i 6 mesi).


Alla prima visita seguono, il colloquio con i genitori (nel caso di paziente minorenne), della durata di circa 50 minuti, e le visite successive, di circa 50 – 60 minuti.

Durante tali visite vengono affrontate con il paziente le varie fasi relative alla CBT-E, valutato l’andamento del percorso terapeutico, le problematiche presenti e la rilevazione periodica dello stato nutrizionale.

Cosa serve ?

Per potere usufruire del servizio di consulenza in presenza è sufficiente compilare il modulo presente nella sezione contatti o chiamare al numero indicato.

Per le consulenze online sono invece necessari :

  • un profilo Google Meet (consigliato) o Zoom
  • un computer con web cam o un tablet con microfono ed altoparlanti,
  • una connessione internet veloce ADSL (consigliata)

A tutela della privacy, sarà necessario controfirmare ed inviare il consenso informato per le “consulenze nutrizionali online”, prima della visita.

Il modulo verrà inviato una volta fissato l’appuntamento e concordato la video-piattaforma utilizzata.

Il costo della prima visita in presenza è di € 75,00 (online è di € 50,00), il costo delle visite successive è di € 35,00.

Le ricevute sanitarie emesse, verranno inviate via mail e sono detraibili a fine anno in sede di dichiarazione dei redditi.


Come prenotare una consulenza ?

Per qualsiasi informazione e per prenotare una visita  invia una mail a  info@feelingood.it  , compilando il form qui sotto, o telefona al 392 3804266.

Chiedi una consulenza


Modalità di pagamento

Per avere diritto alla detrazione fiscale è necessario pagare con metodo tracciabile:

  • usando il sistema di pagamento Paypal disponibile qui sotto, il quale è rapido e sicuro
  • con bonifico bancario alle coordinate che verranno inviate via mail al termine della consulenza, unitamente alla fattura.

I pagamenti dovranno essere saldati entro 3 giorni dalla visita.


Pagamento prima visita dietistica online

50,00 €


Pagamento altre visite dietistiche online

35,00 €